09 Dicembre 2009

INGANNEVOLE LA PUBBLICITA’ DEL MATERASSO EMINFLEX – 65.000 € DI MULTA- DELUDENTI RISULTATI NEI TEST COMPARATIVI.

INGANNEVOLE LA PUBBLICITA' DEL MATERASSO EMINFLEX - 65.000 € DI MULTA- ANCHE NEI TESTI COMPARATIVI -COCA-COLA,...

Eminflex  SPLASHPAGE_3_16

 
La pubblicità dei materassi Eminflex, i più famosi d’Italia grazie a 12 anni di spot, televendite e telepromozioni su canali come Rete 4 , Canale  5… è stata censurata dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, la società Cem dovrà  pagare una multa di 65.000 €. Non è la prima  volta che Eminflex viene condannata per pubblicità ingannevole .

Ma è forse la prima volta che l’Antitrust censura i materassi.

Da tempo segnalo nel sito ilfattoalimentare.it i messaggi pubblicitari ingannevoli e ormai la lista comprende grandi nomi come Coca-Cola, Barilla, Misura …..

Le accuse sono molto precise: il prezzo di vendita non viene indicato chiaramente perché si dimentica di precisare che al listino occorre   agg iungere l’IVA. Anche le indicazioni relative alle spese di spedizione sono poco chiare,  per cui alla fine il materasso Alba proposto a 129 € veniva a costare  29 € in più, mentre al modello matrimoniale da 259 € bisognava aggiungere altri 58 €. Le stesse critiche sono state mosse al sito www.eminflex.it.

Un altro aspetto evidenziato dall’Antitrust nella pubblicità ingannevole riguarda le scarse informazioni sulle modalità da seguire per chiedere  di esercitare il diritto di recesso,  ovvero i restituire  i materassi  e ricevere in cambio il denaro versato senza penali. Per correttezza va detto che la società CEM che gestisce il marchio Eminflex (fatturato nel  2008 pari a 63 milioni di €) nel corso dell’istruttoria ha provveduto a modificare i listini e a chiarire meglio le modalità per la restituzione dei materassi in caso di recesso.

Un altro aspetto da considerare rigua rda la scarsa descrizione dei regali abbinati ai materassi. I regali si sono rilevati spesso e volentieri degli accessori di scarsa qualità e anche fuori misura.

Per dovere di cronaca va ricordato che nel 1997 in un test presentato nella trasmissione televisiva Mi Manda Lubrano sui cinque materassi più venduti in Italia),  Eminflex ha meritato il giudizio “medio” risultato il peggiore del test. Dalle prove effettuate in laboratorio emergeva la poca affidabilità della struttura e la non eccelsa qualità dei materiali per l’imbottitura. L’episodio è significativo perché raramente in un test comparativo il prodotto leader come era allora Eminflex, merita  l’ultimo posto in classifica. Nel 2003 Altroconsumo ha condotto un altro test  da cui emerge che il modello Eminflex Renova è un po’ cambiato. Il materasso acquistato in televisione a 169 € con tutti gli accessori, ha meritato un giudizio medio/ buono, con un punteggio leggermente superiore a quello di Ikea Sultan Nattljus che però è stato pagato   92,9 €.  Il migliore modelo è risultato Magniflex Marte Boxato da 130 a 149 €. Più costoso ma con buone caratteristiche anche Dorelan Master Firm.

Roberto La Pira (www.ilfattoalimentare.it)


 

Se vuoi leggere altri articoli sulla pubblicità ingannevole collegati al sito ilfattoalimentare.it.

 

Foto: Photos.com

 

 

Altri articoli sulla pubblicità ingannevole 

Cocacola5 Coca-Cola non può invitare i consumatori a bere tutti i giorni bevande zuccherate.Censura dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria «Le prossime pubblicità della Coca-Cola dovranno evitare di suggerire un consumo quotidiano della bevanda»: Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (Unc), esprime soddisfazione  

Ingannevole la pubblicità dei Vini Giordano: i 70 mila euro di multa nel 2011 decisi dall’Antitrust si sommano ai 250 mila del 2010. Prende in giro i consumatori. Per la seconda volta l’Antitrust ha giudicato ingannevole la pubblicità dei Vini Giordano, la società di vendite per corrispondenza che ogni anno spedisce a milioni di italiani proposte di acquisto giudicate scorrette.

RisoSuRisoBiscotti 

I biscotti Galbusera e Misura scivolano sul colesterolo e devono cambiare etichette e pubblicità I biscotti Galbusera e Misura che sulle confezioni evidenziano a caratteri cubitali un contenuto di colesterolo estremamente ridotto devono cambiare le etichette

…I biscotti Galbusera e Misura che sulle confezioni evidenziano a caratteri cubitali un contenuto di colesterolo est…


Il Giurì della pubblicità censura Revidox: l’ennesimo integratore che prende in giro i consumatori Il Giurì dell’Autodisciplina pubblicitaria ha censurato la pubblicità dell’integratore alimentare Revidox pubblicata sul settimanale l’Espresso

Images-2(1) Alixir Barilla, non è un elisir di lunga vita. Confermata la sanzione di 120 mila euro Brutte notizie per la linea Alixir della Barilla. …Brutte notizie per la linea Alixir della Barilla. Molti di voi si ricorderanno il lancio di questi prodotti dall’inquietante confe..

Ferrero Gran Soleil: la pubblicità è ingannevole? Il fatto alimentare chiede la censura all’Antitrust «Tutto qui? »: è lo slogan usato dalla Ferrero per la campagna pubblicitaria di Gran Soleil, un dessert da congelare in freezer

www.ilfattoalimentare.it