Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Troppo fantasiose le diete proposte da La Repubblica estrapolando uno studio di Science

Dummy
La notizia di aumentare la speranza di vita mantenendosi in buona
salute 
riducendo del 25-30%  l’apporto calorico giornaliero, è stata ripresa  da molti giornali e anche da questo blog. Lo studio molto interessante  pubblicato su  Science porta la  firma 
di Luigi Fontana, direttore del Reparto di Nutrizione
ed
Invecchiamento dell’Istituto Superiore di Sanità, e responsabile di un
progetto
di collaborazione internazionale tra l’ISS e la Washington
University School of Medicine di St Louis
negli USA.
Il quotidiano La Repubblica il 16
aprile
ha dedicato una pagina  firmata da Elena Dusi al tema. Leggendolo ho avuto qualche perplessità. Nell'articolo si intervista l'unico  volontario (!) che ha scelto  una dieta vegana per il test durato alcuni anni , e in una tabella si dice che nella dieta vanno eliminati: dolci, pane bianco, bevande zuccherate, insaccati e riso non integrale. Si tratta di restrizioni che limitano  il numero di persone potenziamente interessate e che sviliscono un pò il valore della ricerca, che ha invece un notevole valore scientifico.

 Ho telefonato in America a Luigi Fontana per chiarire la questione. Il ricercatore mi  ha detto  che la riduzione del 25-30%  delle
calorie va fatto
rispettando l'apporto di grassi, proteine e zuccheri previsti dai Larn (Livelli di assunzione raccomandati di energia e nutrienti per la popolazione italiana dall'Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione). «Per rispettare queste indicazioni – continua Fontana -  bisogna necessariamente  limitare l'assunzione  dei  cibi  troppo calorici ed evitare le bevande zuccherate, orientandosi  su  frutta, verdura, prodotti  integrali, pesce e carni magre». Tutto ciò non vuol dire  diventare vegani, vegetariani o bandire del tutto  dolci, riso e pane bianco e  insaccati  … come lascia filtrare Elena Dusi. Mi premeva chiarire questo concetto.  Leggendo l'articolo su La Repubblica ho avuto la sensazione che per aumentare la speranza di vita e restare in buona
salute, sia
necessario una conversione alimentare e questo non è proprio quanto volvano dire i ricercatori su Science.

Roberto La
Pira  23 aprile 2010
  ©
Riproduzione riservata

Altri post su questo argomento :

* PIERO OSTELLINO SCIVOLA SUI PROFILI ALIMENTARI DELL'UNIONE EUROPEA

* IL CORRIERE DELLA SERA SCIVOLA SUI PESCI