Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La dieta alcalina di Robert Young è basata su teorie assurde.Il parere di Enzo Spisni dell’Università di Bologna

La dieta alcalina non è una novità per gli italiani, anni fa era apparso un libro che vantava i benefici del sistema, e adesso è in commercio un nuovo volume di oltre 400 pagine che la ripropone in veste  rinnovata. La recensione del libro è affidata a Enzo Spisni, docente di Fisiologia della Nutrizione all’Università Bologna, che delinea in modo efficace le assurde teorie dietetiche di un autore un po’ chiacchierato.

 

La teoria del libro è che tutte le patologie, dal raffreddore al cancro, compreso le malattie cardiovascolari, e quelle  infiammatorie croniche, dipendano dall’alterazione del pH (acidità) del nostro corpo, che passa da una alcalinità ritenuta naturale, ad una acidità causata da cattivi alimenti ingeriti. Da un punto di vista scientifico questa teoria risulta alquanto singolare perché sostenere l’esistenza di una dieta universale perfetta e teorizzare che tutte le patologie abbiano una sola causa e una sola cura, non è molto serio.

 

Il testo contiene alcune affermazioni che meritano di essere commentate. Una delle teorie più affascinanti, degne di un film di fantascienza, è che "i batteri possono mutare in lieviti, i lieviti in funghi ed i funghi in muffe" (par 2.6, pag. 23) e anche che "

Continua a leggere l'articolo di Enzo Spisni   su ilfattoalimentare.it per conoscere quali sono le altre teorie della dieta alcalina