Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sprechi alimentari: la bufala degli italiani che buttano nella spazzatura il 30% della spesa. Il valore reale è l’8%

La bufala degli italiani che ogni settimana buttano via il
30% della spesa alimentare, gira da quasi due anni in rete. L’origine della
favola non è da ricercare nel solito gruppo di allarmisti che dilagano su
internet, ma tra i giornalisti di quotidiani come il Corriere della sera  o La Repubblica che
hanno rilanciato più volte questa bizzarra tesi, senza verificare con
attenzione la fonte.

 

Eppure basta riflettere sul dato qualche minuto per rendersi
conto che le cifre non tornano. Purtroppo la notizia degli sprechi domestici
esagerati è sempre affiancata da un’intervista al professor Andrea Segrè
dell’Università di Bologna e fondatore di Last minute market, che però non
esprime giudizi sul dato numerico. L’esito è che alla fine risulta inevitabile
associare Segrè al dato sullo spreco indicato nell’articolo e nasce la bufala
del 30%. Anche l’accreditato e autorevole Barilla Food and Nutrition Center
(BFNC) nel voluminoso rapporto sull'argomento “Lo spreco alimentare: cause, impatti e proposte” di qualche
mese scivola su questa buccia di banana. Nel testo compaiono i dati di diverse
ricerche europee, si citano fonti autorevoli, si ospitano interventi di alcuni
esperti ma poi a pagina 36 si avvalla la tesi dello spreco domestico esagerato (foto sotto).

Continua a leggere l'articolo di Roberto La Pira   su ilfattoalimentare.it