Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Grom cambia diciture e scritte sui muri e sui depliant e ringrazia Il Fatto Alimentare

grom Da due anni Il Fatto Alimentare chiede a Grom di cambiare le scritte sulla presunta assenza di additivi nel suo gelato riportate a grandi lettere sui muri delle gelaterie e nei depliant. Ieri Guido Martinetti, patron della catena di gelaterie italiane famose nel mondo, ci ha scritto dicendo che presto le frasi saranno modificate, mentre i depliant sono già stati corretti e ringrazia Il Fatto Alimentare. Ecco il testo:

 

Egr. dott. La Pira,
ho da poco letto le considerazioni de Il Fatto Alimentare in merito a Grom ed alla serietà con cui conduco questa impresa.

Desidero quindi aggiornare brevemente lei e i suoi lettori in merito alle iniziative che abbiamo preso a seguito delle sue precedenti osservazioni riguardanti la distinzione tra “additivi alimentari” (in quanto definizione generica) e “additivi chimici”, utilizzata dalla nostra azienda.
Sulla base delle indicazioni del Ministero della Salute avverrà (specifico l’iter in seguito) un unico cambiamento: la scritta presente nei negozi Grom, che afferma che il nostro gelato “non contiene aromi, coloranti, conservanti e additivi chimici”, riporterà che il nostro gelato non contiene “aromi, coloranti, conservanti ed emulsionanti”; questo vale ovviamente anche per i materiali di comunicazione (brochure etc), che sono già stati modificati, come certamente avrà notato.

Continua a leggere su Ilfattoalimentare.it