Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mario Monti conferma il dato dell’8% come spreco domestico degli italiani. Basta con la bufala del 27% proposta da Andrea Segrè

Pochi
giorni fa
a Trieste 110 sindaci hanno firmato un appello contro lo spreco alimentare.
Una frase del comunicato stampa di Last Minute Market per lanciare l'evento
colpisce l'attenzione: "…lo spreco di cibo a livello domestico costa ad
ogni famiglia 1.693 euro all'anno, il 27% dei 6.272 euro spesi ogni anno per l’acquisto
di beni alimentari".

 

Testimone illustre della
cerimonia è il
professor Andrea Segrè di Last Minute Market che ormai da tempo porta avanti la
tesi dello spreco domestico a livelli stratosferici (27%), a dispetto di ogni
logica e anche delle evidenze scientifiche disponibili. 

Eppure Segrè, i sindaci e una grossa fetta di mondo che ruota
intorno alla filiera alimentare ripetono da tempo questa storia. Il fatto alimentare ha
intervistato
il professor Segrè, che per giustificare i dati parla di stime
europee e di valutazioni complessive di qualche anno fa, ma non chiarisce la
metodologia alla base della formulazione di queste stime.

 


Continua a leggere l'articolo di Valentina Murelli e Roberto La Pira   su ilfattoalimentare.it